skip to Main Content
Parma In 48 Ore: 5 Tappe + Un’extra Tip

Parma,città d’arte, di charme e di food, è la Capitale Italiana della Cultura 2020. E allora, mai come quest’anno, è il momento giusto per andarci.

Parma, la Capitale Italiana della Cultura 2020

Parma è la città di Verdi e di Toscanini e delle cupole del Correggio. E’ sede di una delle più antiche Università al mondo ed  è la patria del Parmigiano Reggiano, del prosciutto e del Culatello.Circondata da borghi e da castelli, è il cuore romantico dell’Emilia che, insieme alla Romagna, per me significa casa. Ma ora c’è di più. Dopo Matera, nel 2019, è Parma la Capitale Italiana della Cultura 2020.  E allora, ecco cinque buoni motivi per andare a Parma quest’anno e innamorarsene.

La statua parlante di Giuseppe Verdi a Parma

5 cose che non puoi perderti a Parma

  • Visitare una chiesa che era un carcere 

    Nel centro storico  di Parma, oltre al Duomo, il Battistero in marmo rosa, l’ex monastero di San Paolo, il meraviglioso Teatro Regio e il polo museale del Palazzo della Pilotta, c’è anche la chiesa di San Francesco del Prato. E’ unica perché, un tempo, venne trasformata e convertita in carcere (e tutt’ora ne sono conservate le grate). E’ rinata grazie ad una raccolta fondi collettiva che ha reso possibile  l’avvio del restauro. Le inferriate che proteggevano la sua temporanea funzione di carcere, oggi, sono state eliminate e mostrano l’architettura originaria in stile gotico. Ora, proprio per la sua storia di rinascita, è diventata il simbolo di Parma 2020. Chiunque può decidere di contribuire a sostenere il recupero questo patrimonio artistico partecipando a una visita visita guidata, ad esempio, oppure ad una delle tante iniziative culturali e musicali prenotabili facilmente anche on line.

    Massimo Spigaroli, chef stellato – Ph Courtesy of Infraordinario
  • Mangiare il culatello DOP e conoscere i suoi antichi segreti

    Sapevi che Gabriele D’Annunzio definì il culatello il principe dei salumi per la sua dolcezza e morbida compattezza? La prima citazione ufficiale del culatello (1735) si trova proprio all’interno di un documento del Comune di Parma e, oggi, è l’Antica Corte Pallavicina di Polesine Parmense il regno del culatello. All’interno di questo castello trecentesco, un tempo abitato dai Marchesi Pallavicino, grandi estimatori del culatello, ci sono le cantine di stagionatura di questo amato salume più antiche al mondo e c’è anche il Museo del Culatello e del Masalén. Se vuoi conoscere tutti i segreti del culatello, la sua storia, l’iconografia, il legame con personaggi come Giuseppe Verdi, Gabriele D’Annunzio, Giovannino Guareschi, è questo il posto giusto. Per un percorso museale così originale anche il cicerone è molto speciale, è lo chef Massimo Spigaroli. E’ lui che ti racconta l’arte di fare salumi, eredità preziosa ricevuta dal bisnonno Carlo, e che ti parla del recupero del maiale nero tipico del Parmense, una razza unica e pregiata  allevata nella valle del Po che ispira Il suo menu stellato tanto quanto quello dell’Hosteria del Maiale. Entrambi sono  indirizzi perfetti se stai cercando buoni indirizzi dove mangiare il culatello a Parma. Nel menù di Spigaroli, tra  l’altro  ti segnalo, trovi  anche riproposta una ricetta del celebre Giovannino Guareschi.

    L’ingresso del Museo del Culatello, a Polesine Parmense
  • Il Parmigiano Reggiano come non l’hai mai immaginato

    Dai, non puoi andare a Parma e tornare a casa senza del Parmigiano Reggiano!. Si, ma dove comprarlo? Ci sono naturalmente varie possibilità, ma io ti  segnalo i due caseifici della Cooperativa Casearia Agrinascente dove, in collaborazione con allevamenti locali a conduzione familiare, viene prodotto il Parmigiano Reggiano – Parma2064. Sono rispettivamente il Caseificio San Michele Campagna, a Fidenza (info 0524520958), e il Caseificio Pongennaro, a Soragna (info 0524597065). Qui, oltre a scegliere tra le diverse stagionature del Parmigiano Reggiano, puoi assaggiare anche alcune “varianti sul tema”piuttosto insolite come l’organic, il kasher (ovvero  prodotto secondo le regole della religione ebraica in materia alimentare) o il veggie ottenuto utilizzando solo caglio di origine vegetale. In alternativa, un altro valido indirizzo è la bottega all’interno del Museo del Parmigiano Reggiano, a Soragna  (Via Volta, 5).

    Il Castello di Torrechiara – Courtesy of Castelli dei Ducati di Parma e Piacenza
  •  Pedalare, pedalare e ancora pedalare

    I parmensi, come la maggioranza di noi emiliano romagnoli, amano spostarsi in bicicletta. Se pedalare è anche per te un vero e proprio lifestyle, allora a  Parma fa esattamente al caso tuo! (puoi affittare la bicicletta da Cicletteria, in zona stazione). Puoi iniziare dal centro storico seguendo le tracce della Duchessa d’Asburgo, che ha regnato sulla città. Sempre rimanendo in sella puoi invece scegliere di fare passeggiate un pò più lunghe esplorando i dintorni della città. Di itinerari ciclabili ce ne sono parecchi, di diverse lunghezze e difficoltà, dipende solo da te. Ad esempio, in bicicletta puoi andare fino al Castello di Torrechiara (40 Km da Parma) oppure alla Reggia di Colorno (34 km) o, ancora, puoi decidere di trascorrere fuori un giorno intero e andare a vedere i borghi e i castelli della  Bassa (ma in questo caso devi essere pronto a pedalare per 75 km). Se invece ami immergerti nella natura, ti consiglio la ciclabile che segue il letto del Po per 50 km. Infine, se hai tempo, prenditi tre giorni e vai a ripercorrere in bici le tracce di Giuseppe Verdi.

    Il Duomo e il Battisterio di Parma
  • Scoprire la Parma che piace a te

Qual è la tua grande passione? Intendo, cos’è che ti spinge a viaggiare? Il cibo? L’arte? La natura? In realtà, non fa tanta differenza, in  questo caso, perché Parma è una magica combo di tutto ciò. A Parma sei nella Città Creativa UNESCO per la Gastronomia in Italia, ma sei anche nella città del teatro e della musica. Per intenderci, mentre mangi anolini e taglieri di Parmigiano Reggiano, Prosciutto e Culatello, qui senti risuonare le note di Giuseppe Verdi. L’Appennino? E’ proprio lì a due passi. Insomma puoi programmare un weekend a Parma scegliendo di fare esattamente quello che ti piace. Cultura, food o landscape che  sia, on line trovi parecchie experiences per personalizzare il tuo fine settimana. Quest’anno, poi, si aggiunge un fitto calendario culturale con mostre, concerti e rassegne, in programma da gennaio a dicembre. Un motivo in più per andarci.

La landscape parmense: Langhirano

Extra Tip: dove dormire a Parma

Sono sette le strutture del gruppo INC Hotel che  si sono unite nell’idea di diffondere la cultura letteraria, artistica, gastronomica e paesaggistica del territorio parmigiano. Tanto che, insieme, hanno creato il percorso delle “Statue Parlanti” per far conoscere meglio a chi  arriva da fuori i personaggi che hanno fatto la storia di questa città. Chi sono? Arturo Toscanini, Correggio e Giuseppe Verdi, ad esempio. Saranno loro  stessi, o meglio le rispettive riproduzioni scultoree, a dirti letteralmente di più. A te basterà avvicinarti alle statue, lungo il percorso creato, e attivare un ‘APP sul tuo smartphone che ti verrà comunicata al momento del check in in hotel. Se preferisci invece rintanarti dell’Appennino Parmense, nel Parco Regionale dei Boschi di Carrega (a 15  km da Parma) c’è Il richiamo del Bosco, un bed & breakfast di charme immerso nel silenzio tanto che, durante la tua  permanenza, puoi anche avere la grande  fortuna di incontrare cerbiatti e altri timidi animali del bosco. Tieni a portata di mano lo smartphone!

La ph  di copertina è di Infraordinario
Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
Facebook
Twitter
INSTAGRAM