skip to Main Content
Mangiare A Rimini Ai Buoni Sapori Che Piacciono (anche) Ai Locals

Ecco i miei indirizzi preferiti per mangiare a Rimini. Perchè proprio questi? Perchè ci trovo sempre cose buone, piatti ben fatti e sorrisi sinceri. E io mi sento bene, io mi sento a casa.

Mangiare a Rimini ? Come in tutte le località turistiche i ristoranti sono tantissimi. In realtà, è difficile cascare male perchè mangiare a Rimini è una cosa seria (come in tutta L’Emilia Romagna, del resto), ma conoscere i posti dove trovare i veri sapori del posto è sempre un’altra cosa. Ecco allora tre indirizzi leali e sinceri, come le persone che ti faranno accomodare al tavolo quando deciderai di andarci. In fondo i Riminesi sono gente semplice e schietta, pochi fronzoli e molta sostanza, e stai sicuro che in tavola vogliono e portano solo prodotti freschi e genuini. Che arrivino dal mercato del pesce o dai campi dell’entroterra, la vera cucina di Rimini profuma sempre di buono.

Mangiare a Rimini: tre indirizzi che non dimenticherai

– Casa Brigandi

Quando entri a Casa Brigandi   ti viene incontro Fabio. Lui non è Riminese d’origine, ma è a Rimini che vive e lavora orami da più di vent’anni. Della sua terra, la Sicilia, non ha ancora dimenticato i sapori autentici della terra e del mare che ogni mattina va ricercando al mercato facendo personalmente la spesa. Ecco perché in menù troverai pochi piatti, una decina al massimo, che cambiano  con il passare delle stagioni. Di solito io qui ordino crudi di pesce perché mi piace sentire il profumo delle onde, quelle con cui, entrambi ma su  spiagge diverse, abbiamo giocato da piccoli. Oggi, invece, Fabio gioca in cucina e il suo gioco preferito sono le contaminazioni. Ogni piatto è una nuova storia.

Casa Brigandi, Corso D’Augusto

–  Agrofficina

La differenza vera qui la fanno le materie prime perché le verdure, ad esempio, sono coltivate nell’orto di famiglia. Il menù del pranzo cambia ogni  settimana e per lo più e a base vegetale, ma (a piccole dosi) anche la carne di mora romagnola, il pesce dell’Adriatico e i formaggi tipici vengono utilizzati nella preparazione di qualche ricetta. Anna e Andrea, i proprietari, dicono che da loro trovi il paesaggio di  Rimini nel piatto.

dove mangiare a rimini_agriofficina

Agrofficina, Piazza Malatesta

La sera, invece, orto, mare e terra s’incontrano nelle libere interpretazioni del ramen di Agrofficina. Cosa ci fa un piatto orientale in un posto così? “Ramen – secondo le fonti – significa ‘tagliatella (pasta) fatta a mano e abbiamo sentito un richiamo genuino al quale non abbiamo detto di no” come spiegano Anna e Andrea. Ah un’ultima cosa voglio dirvi su questo posto: il pane, servito tiepido, è davvero sublime e sa di casa. Prima di battezzare il forno dove prenderlo ne hanno assaggiati parecchi, mi dicevano, un dettaglio che dice tutto sul carattere affidabile di questo posto. Tra l’altro è proprio davanti a Castel Sismondo e a due passi dal Teatro Galli e dal cinema Fulgor, grandi simboli della “nuova” Rimini, motivi per cui vale pena ritornarci anche se pensi di conoscerla già.

ristorante di rimini

Trattoria La Marianna, Borgo San Giuliano

La Marianna

Ci sono, no, quelle giornate in cui la testa si riempie di bei e ricordi e di dolce nostalgia. Quando arrivano io vado a trovare Enrica, nel vecchio borgo dei pescatori, perchè c’è un posto dove ritrovo esattamente i sapori della cucina di mia nonna. Della trattoria La Marianna mi piace lo suo stile tipico e sincero (esiste da più di 100 anni !). Ogni volta che mi siedo a tavola ci ritrovo tutta la bellezza dei pranzi della mia infanzia. Da bambina, ogni domenica, uscivo in barca con il mio nonno un un vecchio lupo di mare che mi ha insegnato che il pesce si mangia con le mani e che bisogna amare le cose vere. E in questo posto, proprio come a casa sua, è la genuinità che parla: le ricette sono fatte ancora come insegna la tradizione e i piatti del giorno cambiano in base in base al pescato.

mangiare tipico a rimini

Se vuoi dare un’occhiata al menù eccolo, tanto io so già cosa prendere. “Poveracce” (mica le chiamiamo vongole a Rimini!), seppiolini cotti al testo e canestrelli gratinati. La pasta fresca è ruvida come piace a me, perché qui la tirano ancora a mano proprio come aveva imparato a fare la mia nonna. Lei era di origini milanesi, però, ecco perchè non portava a tavola solo strozzapreti, tagliatelle e gnocchi. Uno dei piatti con cui metteva d’accordo tutti era proprio il risotto alla marinara. Lo cucinava come le avevano insegnato le mogli dei pescatori locali, amici del nonno, ma le ricordava in fondo la sua Milano. Magari anche tu vivi in città, ma quando ti prende la  nostalgia di Rimini puoi scaricare le ricette disponibili on line. Se ce la faccio io a cucinarle, credimi, ce la fai anche tu…! Basta metterci un pò d’amore, proprio come fanno Fabio, Anna, Andrea ed Enrica.

Viaggiare spesso mangiando bene

Personalmente non sono una foodie, sono invece piuttosto una travel addicted (o wanderluster, come si dice in una parola sola). Tuttavia, ogni volta che viaggio, non sono disposta ad accontentarmi di cibo qualunque. Il local mood passa anche attraverso sapori e profumi e solo quelli autentici ti raccontano storie vere. La cosa migliore, quando si viaggia, è senz’altro conoscere qualcuno del posto che ti dia qualche consiglio, ma non sempre va così. Come fare allora? Un bell’aiuto te lo può dare Intagram dove puoi fare una ricerca per hashtag per trovare foto di piatti e locali che vale la pena provare. Di solito basta cercare il nome del luogo seguito dalla parola food. Tornando a parlare di Rimini una delle specialità che non puoi perderti è la piadina, ovviamente, a cui ho quindi dedicato un intero capitolo di questo blog. Oppure puoi scegliere di andare a mangiare guardando il mare, come piace fare a noi del posto che appena spuntano due raggi di sole corriamo a guardarlo, una volta ancora.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
INSTAGRAM
Back To Top