skip to Main Content
Milano, Via Sarpi: 12 Indirizzi Food E Drink (+ 2 Extra Tips)

Se siete tra quelli che immaginano via Sarpi a Milano solo come un susseguirsi di insegne cinesi, andate a dare un’occhiata. La Chinatown meneghina è un’amalgama di realtà che sempre più mescola tradizioni cinesi, nuovi locali, format commerciali alternativi. Pronti per un tour gastronomico in Chinatown? Segnatevi questi indirizzi.

Camminando a Milano per via Sarpi e le vie laterali, si scopre che qui si possono mangiare ramen tirati a mano e migliori ravioli cinesi di Milano, la hot pot mongola e il pollo fritto, ma anche mozzarella di bufala,pizza al trancio e pinsa romana, oltre alle praline del campione del mondo di cioccolateria. E poi ci sono anche startup, agenzie creative e case di produzione  tra cui Radio Deejay, Rai, La Effe, Think Cattleya. Come mail? Perché a Milano, via Sarpi è the place where to go right now!

Dove mangiare a Milano in via Sarpi

La Ravioleria Sarpi – Via Sarpi 27

Insieme alla vicina – e socia in affari – Macelleria Sirtori, è una delle star di Chinatown: qui si fanno ogni giorno ravioli freschi preparati a mano da sapienti cuoche cinesi davanti ai vostri occhi, usando la carne biologica della Macelleria accanto. La riconoscete facilmente: è quella che a ogni ora del giorno ha una fila di persone in attesa di addentare i ravioli, disponibili sia nella versione vegetariana, sia con carne di maiale e verza.

ravioli cinesi via sarpi milano

La Raviolieria Sarpi – Ph Credit La Ravioleria

Provate anche le crepes cinesi oppure, se amate i bao, i panini cinesi cotti al vapore (chiedeteli nel nuovo punto vendita poco più avanti). Ah, una domenica al mese, nel retrobottega della ravioleria ci sono i corsi per imparare a fare da sé i ravioli cinesi: pronti a usare il mattarello?

Beijing Traditional Roll – Via Sarpi 29

Poco distante dalla Ravioleria (e sullo stesso lato), di cui segue il format rigorosamente street food, questa è una nuova insegna aperta da qualche mese che propone i tradizionali involtini di Pechino. Si tratta di roll, preparati con fogli di soia, e farciti con ingredienti diversi: maiale stufato, trippa d’anatra o di vitello, uova sode, pollo fritto.

Fusho – Via Sarpi 50

Mai assaggiato un sushi burrito? È l’involtino che unisce Messico e Giappone. E dove, se non via Sarpi, poteva nascere questa delizia? Il sushi burrito (Fusho oggi ha aperto anche in via Plinio) altro non è che un rotolo di alga ripieno di riso, pesce fresco sia crudo che cotto, verdure, avocado e salsa teriyaki o guacamaole. L’ultima novità del menù è Beef Lover, ovvero il sushi burrito per amanti della carne, a base di battuta di manzo bavarese.

Presso – Via Sarpi 60

Presso è un concept store progettato e arredato come una vera casa. Qui si viene per lavorare, rilassarsi, vedere un film nell’home cinema privato o invitare gli amici a cucinare insieme usando una delle tre cucine attrezzate. Oppure per partecipare a uno dei numerosissimi eventi che qui si svolgono ogni giorno. Come funziona? Semplicissimo: passate, entrate, date una sbirciata, vi rilassate sui divani. Oppure lo affittate e organizzate voi un evento privato: una cena, una festa di compleanno, una laurea. A voi la scelta, qui si può far tutto.

milano via sarpi

Ph Credit Presso

Sotto Sotto Milano – Via Albertini 8

480 etichette, tra cui 160 champagne, da abbinare a piatti italiani e altri filoasiatici perché siamo pur sempre in Chinatown e lo chef, Angelo Pavone, per anni è stato ai fornelli del Nobu di Armani: se vi piace il vino, questo è l’indirizzo giusto.

Pasticceria Martesana – Via Sarpi 62

Un’altra sosta imperdibile: La Martesana è la pasticceria fondata da Vincenzo Santoro nel 1966, dove lavora Davide Comaschi, campione del mondo di cioccolateria qualche anni fa. Dal laboratorio di produzione escono in continuazione dolci diventati veri e propri cult a Milano: panettoni, colombe e lievitati, torte artistiche e le linee dei mignon. Qui si viene per fare colazione con le brioche freschissime, per bere un caffè accompagnato da una pralina al cioccolato, per un lunch o un aperitivo. La domenica mattina è il regno delle famiglie con bambini, grazie alla sala attrezzata con giochi al piano superiore.

vetrina dolci pasticceria milano

La Martesana, dal 1966: indirizzo cult  a Milano 

Recreo Bar Sartoria – Via Albertini 9

Tapas Bar e sartoria: da Recreo si può gustare un Margarita mentre si prova un capo, condividere un tavolo con tante tapas oppure fermarsi a chiacchierare con i proprietari. Lunghissimo l’elenco drink da accompagnare con pan y tomate, tortilla, patas bravas, jamon iberico, pulpo a la gallega, solo per citare alcune delle scelte in menù.

Biofficina Cooperativa – Via Signorelli 13

Trattoria, caffetteria, bottega di prodotti biologici e spazio gioco: la Biofficina è quel che dice il nome, un locale bio con un menù italiano curato ma semplice, una scelta di materie prime biologiche e un’atmosfera conviviale. Il menù a pranzo è ampio e variegato, l’atmosfera serale è accogliente e calda: ci sono sale per i corsi e non è difficile imbattersi in quelli per imparare a degustare il vino.

Otto – Via Sarpi 8

Nato da qualche anno, è già diventato uno dei luoghi più instagrammati di via Sarpi: aperto dalla colazione al dopocena, da Otto si viene per qualunque motivo. Colazione, brunch, pranzo, merenda, aperitivo, cena, serata, per lavorare (ci sono tavoloni e wifi), per rilassarsi, per vedere gli amici, il fidanzato, l’amante. Da non dimenticare di fotografare e instagrammare i quadrotti del menù: fette di pane in cassetta guarnite con ogni tipo di ingrediente.

Santo Taco – Via Sabatelli 1 angolo piazza Gramsci

Tipica taquerìa nata dalla passione per il Messico dei fondatori, che hanno incontrato sulla loro strada uno chef messicano con una grande voglia di autenticità. Sugli alti sgabelli ci si accomoda per un taco de volada o per trascorrere la serata, tra una birra artigianale e una quesadilla.

Dove andare a bere a Milano in Via Sarpi

Cantine Isola – Via Sarpi 30

Storico indirizzo (ha aperto nel 1896), da sempre frequentatissimo, le Cantine Isola sono un luogo iconico di via Sarpi da prima che diventasse così famosa. Qui si trovano tantissime etichette, con un’attenzione particolare a fare in modo che la lista offra bottiglie di vino economiche e intelligenti oltre a quelle più ricercate e costose. La cosa bella? È di fronte alla Ravioleria Sarpi: lì prenderte i ravioli, qui li mangiate con un calice di vino.

Buttiga Beer Room – Via Sarpi 64

Spin off milanese del Birrificio La Buttiga di Piacenza. Dodici spine di birra artigianale, taglieri, pinse e accurate playlist musicali.  E per smaltire una settimana densa di eccessi, vi ricordo che in via Sarpi 63 c’è l’Erboristeria Novetti. E’ una delle più antiche di Milano ed è il posto giusto per un decotto o una tisana drenante.

Due extra-tips su Via Sarpi

In Chinatown hanno la sede anche Simone Rugiati e Sonia Peronaci, entrambi volti noti televisivi che hanno scelto via Sarpi e dintorni per dare vita ai propri loft.

FoodLoft – Via Signorelli 9

È la Factory House del celebre chef televisivo Simone Rugiati, che qui ha creato uno spazio multifunzionale dedicato al mondo del Food&Beverage. C’è tanto di showroom, uno spazio espositivo per aziende di design come Panzeri e Dialma Brown e del food & beverege, tra cui Stosa Cucine, Okite, Ceramiche Virginia, Lagostina e Foodies Bros – Eurofood. Ovviamente è dotato di un set completo per shooting fotografici e set televisivi.

Sonia Factory – Via Bramante 37

Dove lavora Sonia Peronaci, fondatrice di Giallozafferano nonché food bloger più famosa d’Italia? E’ a due passi da via Sarpi che ha fondato la Sonia Factory. E’ il luogo dove crea le sue ricette e lavora con la sua redazione. Non solo. Ci organizza eventi, lezioni di cucina, tiene conferenze stampa, cooking show, feste private o cene.

Oriana Davini, la specialista di Via Sarpi e l’autrice di questo articolo

A volte succede anche che, grazie a  un press &  blog tour, incontri finalmente quella collega di Milano con cui ti sei scambiata negli anni mille mail. Sì, è andata così per me e Oriana Davini, di professione giornalista, autrice di un  foodblog dove spesso scrive di Via Sarpi, e in genere di Milano. Un po’ di tempo fa, durante una giornata passata insieme a Mantova, noi due ci  siamo fatte una promessa reciproca: un giorno, avremmo scritto qualcosa l’una per l’altra.  Ha iniziato lei, pubblicando sul suo Lili Madeleine i miei consigli per mangiare a Rimini. E, ora, lei mi ha mandato questo super itinerario per il Fuorisalone a Milano in Via Sarpi. E’ la strada più cool di Milano, oggi come oggi, è la piccola Chinatown milanese, è il posto migliore per lo street food. Oriana, come me, ne va pazza. No, non poteva esserci autrice migliore. Grazie!

oriana davini ramen

Oriana Davini, fondatrice di lilimadeleine.com e autrice, anche, di questo articolo

A proposito. se siete appassionati anche voi di oriental food, Oriana sul suo blog ha a che una rubrica di cucina giapponese. E’ un bel mix di ricette e cucina jap: “Cosa si mangia? Quali sono gli ingredienti da usare? Dove trovarli? Come cucinarli, servirli, apparecchiarli? Belle domande, noi vi daremo una risposta che sia la più semplice possibile e facilmente replicabile a casa, nel rispetto della tradizione nipponica.”

Io, al contrario di  Oriana invece, non sono una super esperta di food. Amo di più il vintage e il design e le glam vibes quindi ho scritto su Milano Isola (se vi sentire  un pò hispter inside, ve la consiglio) e su Tortona , la Milano della moda e del design. Per tutto il resto, prima di andare a Milano, vi basterà consultare i siti turistici ufficiali.

Questo articolo ha 2 commenti
  1. Grazie, interessante , conto di fare un Wknd lungo in quell’occasione , cercherò di andare in zona … ma ci sarà da fare un po’ di selezione … tra tutto quello che ci sarà da vedere .. ;-))

    1. Si, è sempre difficile scegliere e impossibile fare tutto, ma è forse l’appuntamento più bello d’Italia. A Mlano si respira proprio in quei giorni la creatività, sei d’accordo? La gente è tantissima, ma bella e alternativa, la metro gremita dove si fa fatica ad entrare anche a mezzanotte, le installazioni, i parties… WOW! Se riesci a fare un giro in Sarpi poi fammi sapere dove sei stata ! Grazie per il tuo messaggio, ciao!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
INSTAGRAM
Back To Top